Ho un libro in testa

30giu
2012

Sulla terra del mio corpo

Incontriamo la poesia di Sabrina Foschini, “bella come un presagio, in quell’ombra d’acqua mossa”.

VERSI DIVERSI a cura di Isabella Leardini @IsabelLeardini
versi – da conservare, far girare – di autori diversi

 

Mi è mancato il tuo peso
la somma di chili esatti
la coperta rincalzata sui fianchi
l’ombra d’acqua mossa,
la volta celeste.
Mi è mancato il tuo peso, poggiato
sulla terra del mio corpo,
il coperchio perfetto
per la mia pentola.

____
Sabrina Foschini
da “Il paragone col mare
Raffaelli Editore

 ___________________________________________________
Il commento della poetessa Isabella Leardini Questa poesia è bella come un presagio, in quell’ombra d’acqua mossa, in quella “terra del mio corpo” già Sabrina Foschini tracciava l’impronta digitale della sua poesia futura. Questo testo è infatti tratto da un libro di qualche anno fa, ma è perfetto posato accanto al prosimetro “Terramare“, che Sabrina ha pubblicato l’anno scorso, sempre per Raffaelli. “Amare significa, avere il mare dentro a quasi tutte le lettere” si legge nelle prime pagine, e questo visionario libro d’amore si può leggere in molti modi: tutto d’un fiato è il modo migliore, ma anche come fosse due o quattro libri in uno. Due grafie e due voci che si intersecano continuamente, due sezioni, il mare e la terra, che si specchiano una nell’altra. Un mondo sospeso tra fiaba e poesia, nel misterioso legame che a volte le rende una cosa sola. Un poema radiofonico a due voci, lo definisce Francesca Serragnoli nella postfazione, “da una parte il tempo che non finisce, dall’altra la vita di una bambina che diventa adulta e che ha ben presente ciò che ha fine”. Un finale tenero e bello da scoprire, come fosse un romanzo. Originale è la parola giusta per definire questo libro, che fa venire in mente anche il parallelo percorso artistico di Sabrina, la grazia infantile ma precisa dei suoi grandi libri dipinti di fiori e di tutte le creature colorate e trasparenti che popolano l’abisso.

Categorie: Versi diversi

Commenti