Ho un libro in testa

26lug
2012

Monina: da Londra a Barcellona

La nuova tappa di Grand Tour de Force, lo straordinario giro d’Europa, la maratona di scrittura di Michele Monina che possiamo seguire in presa diretta su Hounlibrointesta. È in libreria Londra è un orologio (Laurana Editore).  Non sai che cos’è “Grand Tour de Force”? Leggi qui.

Cartolina di Dario Rossi

GRAND TOUR DE FORCE di Michele Monina

È arrivato il momento anche di salutare la mia amata Londra. Barcellona mi aspetta. E fa uno strano effetto farlo oggi, e proprio oggi. Londra si prepara ad accogliere la fiamma olimpica, diventando per un mese circa il fulcro dell’attenzione degli amanti dello sport di tutto il mondo. Sarà David Beckham l’ultimo tedoforo? Quale dei tanti mega-eventi che accompagneranno le Olimpiadi sarà il più mega-galattico? E di mega-eventi, se avete dato una letta ai giornali ultimamente ben lo sapete, ce ne sono davvero tanti in città. Il fatto è che, se avete letto i giornali ben sapete anche questo, lasciare Londra per spostarsi a Barcellona di questi tempi sembra quasi una mossa suicida. Non che la capitale della Catalogna non sia accogliente e splendida come sempre, ci mancherebbe, chiunque ci ha messo piede almeno una volta nella vita ben conosce il fascino tutto caciarone e notturno di questa metropoli affacciata sul mare Mediterraneo. No, il fatto è che la Spagna oggi è la nuova Grecia. O meglio, è al fianco della Grecia, perché la vecchia Grecia è ancora lì, a cercare giorno dopo giorno di mandare a fondo l’area euro.

Fermi, non inarcate il sopracciglio sinistro con fare interrogativo. L’affermazione precedente non era mia, ma dei giornali di cui sopra. Lungi da me anche solo l’idea di associare la caduta dell’euro, o la presunta tale, alle colpe di una nazione. E in tutti i casi, lungi da me anche solo l’ipotesi di abbandonare le zavorre, sempre parole non mie, durante la crociera (metafora quantomai azzeccata, in questo funesto 2012).

La Spagna sta colando a picco. Lo spread spagnolo è sempre più alto, vola sopra i 700, così come quello portoghese e quello greco che ormai sta sopra i 900. Le banche chiudono. Falliscono. Chiedono aiuto alla BCE. Che non si tira indietro, sembra, nonostante la Germania.

Ma fuori fa caldo e parlare di questi argomenti è davvero strano. Barcellona è una città meravigliosa, giustamente eletta a Eldorado dei tanti cervelli in fuga italiani e non negli ultimi anni. L’idea che un differenziale, qualsiasi cosa significhi, ne possa offuscare il fascino sembra davvero contro natura.

Per cui, chiuse le valige, salutata con una lacrimuccia la Londra che si prepara a ospitare le Olimpiadi è nella capitale della Catalogna che mi sposto, sperando di non rimanere schiacciato sotto le rovine della moneta unica europea, o sicuro che se anche dovesse capitare, un po’ di musica di strada, un piatto di paella, un giro per le Ramblas e un’ora di spiaggia alla Barceloneta renderanno la fine molto meno apocalittica di quanto i Maya avrebbero mai potuto prevedere.

____________________________________________________________________

L’elenco delle 12 tappe, con mese d’uscita del libro:
Atene è un sogno (giugno), in libreria da giugno
Londra è un orologio in libreria dal 6 luglio
Barcellona (agosto 2012)
Lisbona (settembre 2012)
Amsterdam (ottobre 2012)
Berlino (novembre 2012)
Parigi (dicembre 2012)
Vienna (gennaio 2013)
Praga (febbraio 2013)
Budapest (marzo 2013)
Istanbul (aprile 2013)
Stoccolma (maggio 2013)

L’AUTORE:
Michele Monina (Ancona, 1969) ha dedicato libri a personaggi che vanno da Vasco Rossi a Lady Gaga, da Zlatan Ibrahimovic a Valentino Rossi, passando per Bruce Springsteen e tanti altri ancora. Ha lavorato per MTV. Ha tradotto libri di Lou Reed ed Eminem, Palahniuk e Nick Cave. Ha scritto su “Gente viaggi”, “Rolling Stone” e “GQ”.
Laurana Editore ha pubblicato il suo “10 modi per diventare un mito (e fare un sacco di soldi), prefazione di Gianni Biondillo.

Categorie: Grand Tour de Force

Commenti