Ho un libro in testa

02ago
2012

Michele Monina: queste sono le Olimpiadi

La nuova tappa di Grand Tour de Force, lo straordinario giro d’Europa, la maratona di scrittura di Michele Monina che possiamo seguire in presa diretta su Hounlibrointesta. È in libreria Barcellona ti sorride (Laurana Editore).  Non sai che cos’è “Grand Tour de Force”? Leggi qui.

Cartolina di Dario Rossi

 

GRAND TOUR DE FORCE di Michele Monina
a Barcellona
Probabilmente è che ho lasciato Londra proprio nel momento in cui ci si spostava praticamente il resto del mondo, con l’inaugurazione delle Olimpiadi e tutto quel che ne consegue. Sia come sia, oggi, per parlare di Barcellona voglio proprio partire da lì, dall’evento sportivo dell’anno (lo so, lo so, ci sono stati gli europei, che a Barcellona sono anche legati a doppio filo, ma le Olimpiadi son le Olimpiadi).

La notizia già la conoscete, la Roja è tornata a casa con le pive nel sacco. La Roja, se non lo sapete probabilmente delle righe che seguono vi fregherà poco o niente, è la nazionale di calcio spagnola, così chiamata per il colore della sua casacca (nulla a che vedere con l’omonima regione, quindi). Nazionale che, guarda un po’ il caso, ha da poco conquistato il suo secondo Campionato Europeo di calcio consecutivo, evento senza precedenti, intervallato dalla vittoria al Campionato del Mondo. Il tutto condito dalle vittorie europee del Barcellona, la squadra di club della città di cui vado a parlarvi. E qui torniamo alle Olimpiadi e alla Roja.

La squadra che più di ogni altro ha impressionato negli ultimi anni. Quella coi giocatori più affiatati, più forti, più abituati a vincere, è stata elminata. Male, dall’Honduras, squadra decisamente minore sia come blasone ma anche come organico. Succede. Sei destinato alla vittoria, sei oggettivamente molto ma molto forte, ma perdi.

È un po’ quello che in molti ci auguravamo alla finale degli Europei, sperando proprio che a perdere fosse anche in quel caso la Roja, decisamente più forte di noi. In quell’occasione, invece, le cose erano andate diversamente, già sapete. Una bella strapazzata agli uomini di Prandelli, e tutti a casa.

Solo che stavolta l’Honduras, dico: l’Honduras, ha spezzato le reni alla Roja, e il dream team del calcio se n’è tornata a casa, dove ad accogliere i tanti campioni, alcuni provenienti anche dalla squadra che fino a poche settimane fa era allenata da Pep Guardiola, come Jordi Alba e Cristian Tello, è stato lo spread più alto di sempre, il crollo di buona parte delle banche locali, nonché la pressoché bancarotta della Catalogna, fino a poco tempo fa considerata una dei fiori all’occhiello dell’economia europea.

Come come, dirà più d’uno di voi, la Roja ha in squadra Jordi Alba e Cristian Tello del Barcellona? E gli altri? E Xavi, Iniesta, Puyol, Pedro, David Villa, Piquè, Fabregas, Busquets e Valdes?

Allora, queste sono le Olimpiadi. Le nazionali fanno giocare i giocatori più blasonati, proprio per dar spazio ai talenti più giovani, gli Under 21, con qualche innesto di maggiore esperienza. Del resto non è passato neanche un mese dal giorno in cui, quei nomi lì, hanno festeggiato a nostre spese la vittoria dell’Europeo.

Come come, dirà qualcun altro, qui si parla di spread alle stelle, di banche che falliscono, di regioni a statuto speciale, la Catalogna appunto, che fanno bancarotta e si sta a parlare di calcio?

No, non si sta a parlare di calcio, e neanche di spread.

Si parlerà di Barcellona, d’ora in poi. Solo che calcio e mondo della finanza pari sono. The Big Nowhere, il Grande Nulla.

La Roja torna a casa. La Spagna è sull’orlo del fallimento.

Barcellona resta una delle città più belle del mondo, metropoli affacciata sul mar Mediterraneo, pronta a sorriderci, pianeta a se stante rispetto a tutta la Spagna e forse a tutto il resto del Vecchio Continente. Barcellona, l’Eldorado dei cervelli in fuga, come vedremo. Tutto il resto è Roja.

________________________________________

Barcellona ti sorride è il nuovo libro di Michele Monina, terza tappa del Grand tour de Force.

L’elenco delle 12 tappe, con mese d’uscita del libro:
Atene è un sogno (giugno), in libreria da giugno
Londra è un orologio in libreria dal 6 luglio
Barcellona ti sorride (agosto 2012)
Lisbona (settembre 2012)
Amsterdam (ottobre 2012)
Berlino (novembre 2012)
Parigi (dicembre 2012)
Vienna (gennaio 2013)
Praga (febbraio 2013)
Budapest (marzo 2013)
Istanbul (aprile 2013)
Stoccolma (maggio 2013)

L’AUTORE:
Michele Monina (Ancona, 1969) ha dedicato libri a personaggi che vanno da Vasco Rossi a Lady Gaga, da Zlatan Ibrahimovic a Valentino Rossi, passando per Bruce Springsteen e tanti altri ancora. Ha lavorato per MTV. Ha tradotto libri di Lou Reed ed Eminem, Palahniuk e Nick Cave. Ha scritto su “Gente viaggi”, “Rolling Stone” e “GQ”.
Laurana Editore ha pubblicato il suo “10 modi per diventare un mito (e fare un sacco di soldi), prefazione di Gianni Biondillo.

Categorie: Grand Tour de Force

Commenti